Alessandria – Gli studenti occupano altre due scuole


E’ sempre più inarrestabile la mobilitazione dell’Onda Anomala alessandrina. Dopo il corteo di Venerdì scorso terminato con le manganellate della polizia e dei carabinieri e l’occupazione Lunedì del Saluzzo, stamattina è stata la volta dell’istituto per geometri Nervi e dell’istituto tecnico Volta. Simili le modalità con cui gli studenti e le studentesse dei due istituti si sono mobilitati. Tutti in aula magna dalla prima ora di lezione riuniti in assemblea e poi la decisione presa a larghissima maggioranza di dichiarare l’occupazione degli istituti. Proseguono intanto senza sosta le iniziative all’interno del Saluzzo, presidiato nel pomeriggio da centinaia di studenti. Ieri è stato il turno di un’assemblea con gli universitari e i ricercatori, domani l’intera giornata sarà dedicata al tema del razzismo con proiezioni di filmati e un’assemblea pubblica. Anche lo scalmanato Preside Picchio, responsabile della milititarizzazione della scuola Venerdì scorso, sembra essersene fatto una ragione, sbeffeggiato da centinaia dei suoi studenti che hanno dimostrato di non avere paura delle minacce. Con più difficoltà inizia a muoversi anche il mondo dell’università particolarmente colpito dalla chiusura di alcuni corsi e della sede alessandrina del Politecnico. Oggi e domani sono previste altre assemblee per discutere delle prossime iniziative di lotta da intraprendere nei prossimi giorni. Quella che sembrava una timida intuizione fino a dieci giorni fa, oggi trova certa conferma: l’Onda Anomala alessandrina è tornata a surfare con tutta la sua spregiudicatezza, passione e intelligenza.

 

Utilizzando il sito accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire i suoi contenuti e tracciare le visite al sito. Cliccando di "Accetto" o proseguendo nella navigazione di questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Chiudi