Copenhagen – Ormai… ci siamo


Domani mattina una decina di attivisti dei movimenti alessandrini partiranno alla volta di Copenhagen. Segui gli aggiornamenti su http://www.alessandriainmovimento.info e su http://www.globalproject.info

La Conferenza mondiale sul clima ha preso avvio a Copenhagen, confermando già in questi primi giorni la totale arretratezza istituzionale nell’approccio alla crisi globale che stiamo tutti subendo. Tatticismi della diplomazia, esternazioni di capi di stato e spamming disinformativo degli uffici delle grandi corporations del carbone e del petrolio, tolgono letteralmente l’aria ad un vero dibattito pubblico che voglia affrontare il nodo della precarietà ambientale legato al modello di sviluppo dominante. E’ in questo quadro che migliaia di attivisti stanno confluendo a Copenhagen, e tra questi anche la rete “see you in Copenhagen”. Il primo obiettivo era per noi raccogliere adesioni all’andata collettiva nella capitale danese, attorno a chiare posizioni politiche sintetizzate nel nostro primo documento: oggi possiamo dire che oltre duecento attivisti italiani della rete saranno a Copenhagen per partecipare in molte forme alle mobilitazioni e al dibattito. Il secondo obiettivo era riuscire ad autorganizzare ed autogestire la nostra presenza creando un luogo collettivo e condiviso, dove affrontare insieme non solo i problemi logistici legati alla nostra permanenza per tutte le giornate di iniziativa, ma anche dove poter impostare un confronto continuo tra di noi e un luogo, l’assemblea degli aderenti alla rete, dove discutere e scegliere quotidianamente come muoverci e perché. Anche questo è stato raggiunto e oggi possiamo annunciare che la rete “see you in Copenhagen” autogestirà uno spazio proprio, che si aggiunge quindi ai tanti spazi di realtà europee e mondiali creati in questi giorni. Annunciamo per Venerdì 11 dicembre la prima assemblea generale della rete che si terrà all’interno di questo luogo condiviso ed autogestito (per info 004525326245). La rete “see you in Copenhagen” ha inoltre autoprodotto un proprio foglio di comunicazione in inglese che sintetizza il dibattito che ha costituito questa realtà collettiva, e il tipo di approccio con cui stiamo a Copenhagen. Un modo di essere presenti e di partecipare il nostro, che fa da presupposto ad ogni azione che compiremo: vogliamo con umiltà essere parte, dal dibattito delle ong al Clima Forum fino alle iniziative del CJA, senza rinunciare alla necessità di valutare, di vedere con i nostri occhi, di stare ad ascoltare e di conoscere e capire. Questo per noi vale in ogni situazione, dagli incontri di discussione alle azioni di piazza. Crediamo che sia profondamente necessario intraprendere una nuova, grande battaglia globale sulla crisi climatica ed ambientale, che per noi è così centrale da rappresentare ogni livello di crisi, dalla finanza al lavoro, dalle migrazioni alle guerre, che il sistema capitalistico sta producendo, ma proprio per questo non ci interessano ne tattiche né rituali, né affermazioni identitarie precostituite né posizioni ideologiche che hanno già la risposta per tutto. Per quanto riguarda le azioni di lotta, cercheremo di partecipare a tutto ciò che è capace di indicare, anche radicalmente, la necessità di un mondo migliore, e invece cercheremo di non essere parte di ciò che esprime solo frustrazione e autorappresentazione. La situazione che viviamo è indice di un cambio epocale, dell’affermazione di una situazione globale e geopolitica completamente mutata, e anche solo per capire chi comanda, al di là di un generico “capitale”, bisogna abbandonare gli schemi e saper guardare alla realtà. Riteniamo interessante poter seguire in qualche forma il dibattito e lo scontro tra diverse posizioni che avviene all’interno della conferenza ufficiale, non per gli esiti di quest’ultima, ma per le implicazioni e per costruire nuove chiavi di lettura sulla crisi. Come è importante per noi poter ascoltare alcuni incontri del Clima Forum proposti da varie ong. Ed infine partecipare alle forme di mobilitazione e discussione del CJA, già previste o decise in loco. Il 12 dicembre parteciperemo alla grande manifestazione di apertura della settimana di mobilitazione, all’interno dello spezzone del CJA, raccogliemdo l’appello che questa realtà ha rivolto a tutti. Ogni giornata per noi si concluderà con la nostra assemblea nel nostro spazio autogestito.

Utilizzando il sito accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire i suoi contenuti e tracciare le visite al sito. Cliccando di "Accetto" o proseguendo nella navigazione di questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Chiudi