La musica indipendente si toglie il bavaglio


Questo pomeriggio i musicisti della Positive Wave Recordz hanno invaso le vie di Alessandria, armati di chitarre, percussioni e megafono, tutti imbavagliati, per denunciare simbolicamente le limitazioni alla libertà d’espressione imposte da case discografiche, SIAE e cultura mainstream.

Dopo aver sfilato nella via principale della città distribuendo volantini, gli artisti si sono seduti sotto la sede della SIAE (per l’occasione ribattezzata: Società Italiana Autorizzati in Estorsioni), dove hanno dato una pratica dimostrazione dell’essenza della Positive Wave Recordz: un genuino gruppo di giovani musicisti innamorati dell’Arte e della propria città, che creano una vera e propria “scena” musicale dove gli artisti lavorano assieme in maniera autonoma e indipendente, costruendo alternative concrete a una città quasi priva di spazi d’espressione musicale a costi accessibili.

Il progetto, infatti, offre una sala prove a basso costo dove da anni artisti locali si incontrano, si scambiano sogni e idee, organizzano eventi e autoproducono le proprie creazioni.

La Positive si mette ancora una volta in gioco a modo suo, gioiosamente, con tanta voglia di comunicare e crescere, per un’arte spontanea, libera dal business e dalle logiche puramente economiche del mercato discografico.

 

 

Utilizzando il sito accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire i suoi contenuti e tracciare le visite al sito. Cliccando di "Accetto" o proseguendo nella navigazione di questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Chiudi