La marcia dei quarantamila…contrari all’alta velocità!


Una giornata storica, a detta di molti la più grande manifestazione mai organizzata dal movimento No Tav. Chiamparino che nei giorni scorsi evocava sulle colonne dei giornali la necessità di una nuova marcia dei quarantamila è stato servito. Solo che 40.000 erano le donne e gli uomini, gli anziani e i bambini della Val di Susa che sono scesi in piazza per dire ancora una volta che l’alta velocità non passerà. Volevano contarsi, dicevano che i partecipanti sarebbero stati quattro gatti irriducibili, invece si è visto che un’intera valle è schierata con il movimento in difesa della propria terra e del proprio futuro. Domani sarà la volta della manifestazione si tav bipartisan organizzata al Lingotto e quando si conteranno loro, nonostante i tanti burocrati e funzionari che saranno presenti, la giornata di oggi avrà un sapore ancora più gustoso.

Chi pensava di aver fiaccato la resistenza della valle piazzando di notte alcune trivelle per i carotaggi ha fatto male i suoi conti. Centinaia di persone si sono opposte ai sondaggi alla mattina prestissimo in giorni lavorativi e oggi hanno dimostrato che lo facevano in nome di tanti altri che fisicamente non potevano partecipare ai blocchi.

Chissà cosa racconteranno adesso Virano e il suo osservatorio, Antonio Ferrentino che ha voltato le spalle alla sua gente e i sindaci timorosi di esporsi con le fascie tricolori alla manifestazione.

La verità che tutti conoscono e che fa tremare da Berlusconi alla Bresso è che la partita, quella vera, si giocherà nel momento che ci sarà un tracciato definitivo e si apriranno i cantieri. Troppo facile riuscire a fare qualche sondaggio in un territorio che si estende da Torino a tutta la Val di Susa. Persino i siti scelti per i primi sondaggi sono stati quelli più difendibili, si sono visti bene da andare nel cuore no tav dei paesi della valle. Per fare questa operazione mediatica hanno usato 1500 fra poliziotti e carabinieri, cosa faranno quando dovranno aprire e difendere i cantieri?

Il movimento No Tav ha dimostrato non solo di non essere stato fiaccato, ma oggi ha dimostrato di essere più forte che mai. Quarantamila persone a manifestare non si erano neppure viste nelle straordinarie giornate del Dicembre 2005 con la ripresa dei cantieri di Venaus. Ed oggi a distanza di quattro anni rieccoli in piazza i valsusini. La loro determinazione, la fierezza dei loro occhi, il loro aver saputo costruire una comunità vera e unita ha prodotto questi risultati straordinari. C’è da scommeterci che resisteranno un minuto in più dei signori della Tav, sicuramente sarà dura, per loro.

 

Utilizzando il sito accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire i suoi contenuti e tracciare le visite al sito. Cliccando di "Accetto" o proseguendo nella navigazione di questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Chiudi