Il Trasporto Pubblico Locale è un Servizio Essenziale. Non privatizziamo ATM


Nella  nostra  città  i  trasporti  pubblici  urbani  ed  extraurbani, costituiti  di  autobus, così  come  i  trasporti  per  i  disabili  e  per  le  scuole, i  parcheggi  pubblici, il  servizio  degli  ausiliari  della  sosta, sono  stati  finora  gestiti  da  ATM  spa, una  società  quasi  interamente  di  proprietà  del  Comune  di  Alessandria. Dallo  scorso  novembre  il  decreto  Ronchi  ha  imposto  che  entro  il  31  dicembre  2011  la  gestione  dei  servizi  pubblici  locali  sia  messa  a  gara, oppure  che  sia  affidata  a  società  miste, realizzate  cioè  attraverso  la  cessione  di  almeno  il  40% delle  azioni  oggi  possedute  dai  Comuni  a  soggetti  privati. Il  Decreto  Ronchi  impone  una  vera  e  propria  privatizzazione  di  risorse  comuni.

Il  Comune  di  Alessandria, senza  che  vi  sia  alcuna  urgenza  di  farlo, sta  mettendo  in  atto  quanto  prescritto  dal  decreto  Ronchi, cioè  sta  predisponendo  la  gara  per  affidare  il  servizio  di  trasporto  a  un  gestore  e, successivamente, venderà  una  parte  delle  azioni  di  ATM  in  suo  possesso: si  tratta  di  un  processo  sbagliato  e  irreversibile, sulle  cui  modalità  ha  espresso  riserve  l ’Agenzia  per  i  servizi  pubblici  locali  del  Comune  di  Torino  (un  organismo  indipendente  di  consulenza  giuridico-amministrativa).
 L’esperienza  degli  ultimi  vent ’anni  e  gli  studi  più  recenti  (si  veda  ad  esempio  Mattei, Reviglio  e  Rodotà, Invertire la rotta.Idee per una riforma della proprietà pubblica , Il  Mulino, 2007) hanno  dimostrato  che  tutte  le  società  pubbliche  cedute  ai  privati  hanno  rincarato  i  prezzi, diminuito  il  personale  e  aumentato  gli  stipendi  dei  managers, le  spese  per  la  pubblicità  e  per  le  consulenze: la  qualità  del  servizio  reso  alle/i  cittadine/i  è  stato  penalizzato  a  favore  di  un  profitto  che  ricade  nelle  mani  di  società  e  gruppi  finanziari  privati. Lo  spazio  dei  Beni  Comuni  e  dei  diritti  di  cittadinanza  ad  essi  connessi  è  stato  ridotto, e  la  logica  aziendalistica  tesa  al  profitto  è  risultata  incompatibile  con  l ’elemento  pubblico  che  dovrebbe  caratterizzare  i  servizi  di  interesse  generale. La  crisi  economica  in  atto  ha  reso  ancora  più  evidente  il  fallimento  di  una  simile  logica.
Questa  consapevolezza  è  sempre  più  condivisa  e  oltre  un  milione  di  cittadine/i  hanno  firmato  contro  la  privatizzazione  dell’acqua  e  contro  il  decreto  Ronchi. Il  referendum  sull ’acqua  attacca  alla  base  la  logica  aziendalistica-privatistica  del  decreto  Ronchi, che  non  riguarda  il  solo  servizio  idrico, ma  tutti  i  servizi  pubblici  locali.
La  visione  politica  del  movimento  referendario  è  quella  di  far  rivivere  in  Italia  le  condizioni  per  una  piena  attuazione  dell ’ art. 43  della  Costituzione, che  prevede  la  possibilità  di  riservare  “agli  enti  pubblici  o  a  comunità  di  utenti  e  lavoratori  (…) i  servizi  pubblici  essenziali ”.
Ad  Alessandria  l ’amministrazione  comunale  muove  passi  irreversibili  verso  la  privatizzazione  di  un  servizio  pubblico  essenziale  quale  il  trasporto  locale  (che  andrebbe  governato  con  la  stella  polare  dell ’ecologismo  e  non  certo  dell ’aziendalismo), proprio  mentre  è  in  corso  un  processo  referendario  volto  a  cancellare  il  presupposto  fondamentale  (decreto  Ronchi) che  legittima  questa  azione
Il  referendum  ha  come  obiettivo  l ’abrogazione  dell ’art.15  del  decreto  Ronchi. Inoltre, tale  norma  è  sotto  giudizio  costituzionale  indipendente  dal  referendum, essendo  stata  impugnata  da  cinque  Regioni, fra  cui  il  Piemonte, poiché  viola  l ’autonomia  delle  amministrazioni  regionali  di  scegliere  l ’organizzazione  dei  servizi  locali. Infine, dato  che  il  termine  previsto  dal  decreto  Ronchi  è  il  31  dicembre  2011, non  vi  è  alcuna  urgenza

di  agire.

Ci  sono  dunque  ragioni  giuridiche, politiche  e  di  opportunità  perché  l ’amministrazione  comunale  rinunci  al  suo  proposito.
Sappiamo  certamente  che  non  sempre  le  società  pubbliche  sono  state  gestite  in  modo  trasparente  ed  efficiente: per  questo  proponiamo  la  costituzione  di  una  nuova  forma  di  Azienda  Speciale  che, a  differenza  delle  s.p.a., non  ricadrebbe  sotto  i  vincoli  del  decreto  Ronchi  e  sarebbe  gestita  secondo  i  principi  di  sussidiarietà, partecipazione, effettiva  rappresentanza  della  cittadinanza  e  sostenibilità  economica, come  prefigura  la  nostra  Costituzione. Siamo  disponibili  a  discutere  quale  assetto  giuridico  sia  preferibile  per  una

tale  azienda  e  come  meglio  realizzarlo.

Per  evitare  che  il  trasporto  pubblico  Alessandino  venga  sottratto  al  pubblico, come  è  successo  con  altri  Beni  Comuni, chiediamo  a  cittadine, cittadini, associazioni, movimenti  spontanei  di  firmare  l ’appello  che  segue  e  di  fare  tutte  le  pressioni  in  loro  potere  presso  i  partiti  politici  e  gli  amministratori  comunali  per  bloccare  questi  colpi  di  coda  del  grande  saccheggio  del  pubblico  a  favore  del  privato. Ci  appelliamo  in  particolare  alle  persone  che  hanno  sostenuto  e  firmato  i  referendum  sull ’acqua, nella  convinzione  che  la  battaglia  per  la  difesa  dei  Beni  Comuni  e  dei  Servizi  Pubblici  Essenziali  debba  essere  un ’esperienza  ampia  e  condivisa. Vogliamo  prima  di  tutto  che  questi  temi  siano  conosciuti  e  dibattuti, perché  non  passi  nella  disinformazione, o  peggio  nel  silenzio  colpevole, una  riforma  che  andrebbe  a  ricadere  pesantemente  sulle  vite  di  tutte  le  persone e che porterebbe gli enti locali a spogliarsi di risorse inportanti.

Coordinamento territoriale USB

Utilizzando il sito accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire i suoi contenuti e tracciare le visite al sito. Cliccando di "Accetto" o proseguendo nella navigazione di questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Chiudi