Bloccati altri due sfratti…verso il 26 Marzo


Un’altra mattinata filata liscia quella del Movimento per la Casa e delle famiglie di Spinetta Marengo, che da alcuni mesi lottano contro gli immobiliaristi Capra per non essere sfrattate e per rivendicare il diritto di avere un tetto sopra la testa.

Erano due gli sfratti in programma per questa mattina nelle palazzine tra Via Romera e Via San Francesco, gli ultimi dei sei previsti dall’Agenzia e dall’avvocato Brina, targato PD, che ne difende gli interessi: gli altri quattro si sono svolti il 25 Febbraio scorso e sono stati rimandati alla data del 26 Marzo.

Quando questa mattina, poco dopo le nove, l’ufficiale giudiziario si è presentato alla porta insieme alla proprietà, ha trovato ad attenderlo ancora una volta, decine di persone determinate a impedire le procedure esecutive e si è trovato costretto a concedere un’altra proroga, accorpando le due famiglie al gruppo delle altre e rimandando la questione per tutti alla fine del mese.

Il problema dell’abitare sta assumendo, in questo paese e in questa città, dimensioni esponenziali e inimmaginabili fino a pochi anni fa e fortunatamente, di fronte al silenzio del mondo istituzionale e alla gestione sporca e corrotta del tema “casa”, c’è chi in questo tempo ha cercato altre strade e altri strumenti per ottenere ciò che dovrebbe spettare a tutti: un tetto. I movimenti per il diritto alla casa e i percorsi di rivendicazione dal basso si sono moltiplicati e riprodotti a centinaia nelle città italiane, insieme a momenti di piazza e a occupazioni abitative che hanno portato migliaia di famiglie, donne, uomini, giovani e anziani a camminare insieme per riconquistare una vita più degna, condivisa e solidale.

Proprio per ribadire tutto questo e per rinforzare la rete e le relazioni tra le diverse realtà territoriali, i movimenti piemontesi si incontreranno sabato 29 Marzo a Torino per una grande giornata di piazza a cui prenderà parte anche il Movimento per la Casa di Alessandria, con la convinzione che solo riuscendo a mantenere legate la dimensione locale e quella più ampia e allargata sarà possibile vincere questa battaglia.

In vista di questa giornata l’appuntamento ad Alessandria è per il 26 Marzo, considerata dalla proprietà l’ultima data utile per i sei sfratti: nonostante le decine di palazzine “Capra” vuote e sfitte, sembra infatti che i celebri palazzinari abbiano preso a cuore gli appartamenti di Spinetta, scegliendo di mostrare i denti con le famiglie e correndo dal Prefetto per chiedere l’intervento della forza pubblica. Eseguire gli sfratti a tutti i costi è quindi la parola d’ordine con cui stanno gestendo la situazione, sotto gli occhi vitrei della Giunta Comunale e dell’Assessorato alle Politiche Sociali che, incapaci dare soluzioni o anche solo prendere posizioni, continuano a sperare di non essere chiamati in causa. Il 26 è dietro l’angolo e non si vedono prospettive istituzionali all’orizzonte, ma chi vive il dramma della casa sulla propria pelle e ha scelto di mettersi in gioco sa che quel giorno gli sfratti non verranno eseguiti e che non si farà un passo indietro, neanche per prendere la rincorsa.

Utilizzando il sito accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire i suoi contenuti e tracciare le visite al sito. Cliccando di "Accetto" o proseguendo nella navigazione di questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Chiudi