Sfratti rinviati di sei mesi, l’ATC scappa davanti alla richiesta di incontro


È mattino presto quando il Movimento per la Casa si riunisce in viale Esuli Istriani, al Villaggio Profughi; in tanti, uomini, donne, anziani e bambini, si sono riuniti in presidio per bloccare i due sfratti da casa popolare in programma.

Grazie alla determinazione ed alla solidarietà di tutti, le due famiglie occupanti per necessità di alloggi ATC hanno ottenuto una consistente proroga di sei mesi, una vittoria importante per il movimento e per questa giornata che segna l’inizio di una nuova stagione di lotta per il diritto all’abitare.

A fronte della situazione drammatica nella quale versano centinaia di famiglie alessandrine, schiacciate da una crisi sociale di cui non sono artefici, le azioni delle istituzioni si riducono al disumano provvedimento dello sfratto, senza nemmeno trovare il coraggio di “metterci la faccia”; infatti l’ufficiale giudiziario si è oggi presentato senza essere, come da consuetudine, accompagnato da un funzionario dell’ATC.

Ottenuta la proroga, famiglie, attivisti e solidali si sono riuniti in assemblea per fare il punto e hanno preso la decisione di dirigersi verso gli uffici dell’ATC per chiedere un incontro con il presidente Marco Balossino in cui avanzare le proprie richieste:

– Il blocco di tutti gli sfratti delle case popolari

– La sanatoria di tutti gli occupanti per necessità degli alloggi dell’ATC e la stipula di un regolare contratto di affitto

– La mappatura di tutti gli alloggi dell’ATC che non vengono ristrutturati e di conseguenza non vengono assegnati alle famiglie in graduatoria (sono centinaia)

Nella migliore delle tradizioni il Presidente dell’ATC e gli altri dirigenti non si sono resi disponibili ad un confronto, come fa sempre chi sa di avere la coscienza sporca e non poter rispondere alle sollecitazioni di buon senso che provengono dai movimenti sociali.

Famiglie ed attivisti hanno così concluso il presidio con una conferenza stampa svoltasi davanti ai molti giornalisti accorsi sul posto.

Di fronte al silenzio ed alla distanza del Presidente ATC, Balossino, il Movimento per la Casa ha preso atto della totale assenza di una risposta e della mancanza di volontà di incontrare chi la dignità la conquista con la propria forza e la propria determinazione.

Ci rivedremo nelle strade, ad ogni sfratto, una barricata!

CASA – DIRITTI – DIGNITÀ

– Movimento per la Casa Alessandria –

Sportello per il Diritto all’Abitare attivo
tutti i Martedì dalle 18:00 alle 21:30
presso il Laboratorio Sociale
via Piave 63

GALLERIA FOTOGRAFICA


Utilizzando il sito accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire i suoi contenuti e tracciare le visite al sito. Cliccando di "Accetto" o proseguendo nella navigazione di questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Chiudi