Bloccato un altro sfratto a Spinetta Marengo


Elisa e la sua famiglia, composta dal marito e da due bambini di sei e otto anni, vivono a Spinetta Marengo in un piccolo appartamento dei fratelli Balza, noti imprenditori alessandrini proprietari di diversi alloggi nella zona. Elisa e suo marito sono entrambi disoccupati da alcuni anni e sopravvivono grazie a lavoretti saltuari con cui  coprono a malapena le spese essenziali, ma da cui non riescono più a ricavare i soldi per l’affitto.

Nonostante la felice e privilegiata posizione economica della proprietà, dopo pochi mesi di arretrato questa è immediatamente corsa ai ripari, dando il via alla procedura di sfratto, incurante del futuro della famiglia e dell’impossibilità di trovare in tempi brevi una sistemazione alternativa per sé e per i propri figli. Il primo passaggio, avvenuto alla fine di Febbraio, si è concluso con un rinvio alla data odierna e alle otto di questa mattina la famiglia, insieme al Movimento per la Casa, si è trovata ad affrontare nuovamente il passaggio dell’ufficiale giudiziario. Allo sfratto era presente anche una rappresentante dell’Osservatorio Sociale del Comune di Alessandria che, sprovvista di alternative da proporre alla famiglia, si è limitata a posticipare possibili soluzioni all’inizio di giugno, con l’uscita della nuova graduatoria per le case d’emergenza a cui la famiglia è iscritta da poco.

Di fronte alla fermezza della famiglia e del Movimento, l’ufficiale non ha potuto eseguire lo sfratto e ha così concesso una proroga fino al 9 Giugno.

Utilizzando il sito accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire i suoi contenuti e tracciare le visite al sito. Cliccando di "Accetto" o proseguendo nella navigazione di questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Chiudi