2500 persone in marcia contro il Terzo Valico, le cave e la discarica di Sezzadio


La scommessa dei comitati della Val Bormida e del Movimento No Tav – Terzo Valico è pienamente riuscita. 2500 donne, uomini, anziani e bambini hanno manifestato oggi per le strade di Alessandria per chiedere ancora una volta la rinuncia alla costruzione della discarica di Sezzadio, al Terzo Valico e al conferimento di smarino nelle cave connesse a questa grande opera inutile. La partecipazione è andata oltre le più rosee aspettative e a nulla è servito l’allarmismo dell’ultima ora generato da chi aveva paura della riuscita della manifestazione. Il corteo si è snodato festoso e colorato per le strade della città ribadendo ancora una volta come Rita Rossa, Sindaco della città e Presidente della Provincia, sia la principale responsabile dello scempio del territorio che ditte compiacenti e plurinquisite vorrebbero compiere. E’ stata lei ad autorizzare la discarica di Sezzadio e a schierarsi dalla parte della Riccoboni e non dei cittadini della Valle Bormida. E’ lei che insieme al suo Partito Democratico ha sempre sostenuto la realizzazione del Terzo Valico e nulla ha fatto per impedire che milioni di metri cubi di roccia contenenti amianto finiscano nelle cave della città di Alessandria.

Il corteo è stato accolto dal calore degli alessandrini che in molti hanno partecipato alla manifestazione, hanno applaudito i manifestanti ed hanno salutato dalle loro finestre. E’ sempre più chiaro a tutti come Rita Rossa sia invisa alla popolazione a causa delle sue scelte politiche sbagliate volte a tutelare gli interessi delle multinazionali e non la salute dei suoi concittadini.

Sono stati applauditissimi anche i trenta agricoltori che hanno partecipato alla manifestazione coi loro trattori e la folta delegazione del Movimento No Tav della Valsusa che ancora una volta ha voluto portare la propria solidarietà ad Alessandria.

Si esce da questa giornata con la certezza che i movimenti popolari non si arrenderanno mai. Continueranno a fare la loro parte a prescindere da chi diventerà il prossimo Sindaco di Alessandria e la manifestazione è stata anche l’occasione per rivolgere tre precise richieste a chi si candida ad occupare la poltrona di palazzo Rosso.

La fuoriuscita da tutti i tavoli istituzionali imbanditi da chi vorrebbe costruire il Terzo Valico.

Una richiesta formale di incontro al Governo sostenuta da tutti i rappresentanti istituzionali contrari all’opera per chiedere la chiusura dei cantieri e il ripristino delle aree già devastate.

Un’ordinanza nei primi dieci giorni di amministrazione per chiudere la cava Clara e Buona al Cristo ed impedire l’apertura delle nuove cave di Spinetta.

A partire da queste tre richieste il Movimento No Tav – Terzo Valico continuerà la sua lotta, disponibile come sempre al confronto e pronto a confliggere in caso si decidesse di proseguire con le politiche scellerate di Rita Rossa. C’eravamo, ci siamo e ci saremo, sempre pronti a batterci in difesa della nostra terra e della nostra salute.

L'intervista a Claudio realizzata da Radio Onda d'Urto


 

Galleria fotografica


Fotografie realizzate da Paul


Video


Utilizzando il sito accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire i suoi contenuti e tracciare le visite al sito. Cliccando di "Accetto" o proseguendo nella navigazione di questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Chiudi